dcsimg
Toolbox

Il sistema normativo

eni ha adottato un sistema normativo che individua ruoli e responsabilità per garantirne la funzionalità e l'effettiva operatività in coerenza con un quadro di riferimento composto da: disposizioni di legge, Statuto, Codice Etico, Modello 231, Codice di Autodisciplina, CoSO Report.

Il sistema normativo è composto da strumenti di indirizzo, coordinamento e controllo (Policy e Management System Guideline - MSG) e da strumenti di operatività (procedure, istruzioni operative).

Il sistema normativo di ENI

Le Policy sono emesse dal Consiglio di Amministrazione e definiscono i principi e le regole generali di comportamento inderogabili che devono ispirare le attività svolte da eni.

Le MSG sono utilizzate per la gestione dei processi operativi e per il supporto al business includendo gli aspetti di sostenibilità. Ogni singola società adegua il proprio corpo normativo a quanto previsto dalle singole MSG attraverso apposite procedure e istruzioni operative.

In particolare per l'implementazione dei dieci principi è possibile individuare specifiche policy e MSG a supporto. Tale sistema normativo permette di identificare, misurare, gestire e monitorare i principali rischi in tutte le realtà del Gruppo.

Policy e msg di eni

Area GC Quadro di riferimento Policy MSG
    Le nostre persone  
I Diritti Umani   I nostri partner della catena del valore MSG Anti-Corruzione
  Disposizioni di legge La global compliance MSG Codice Antitrust
  Statuto La Corporate Governance MSG HSE
  Codice Etico L'eccellenza operativa MSG Procurement
Gli standard di lavoro Modello 231 I nostri partner istituzionali MSG Ricerca e sviluppo tecnologico
  Codice di Autodisciplina L'information management MSG Amministrazione e Bilancio
L'ambiente CoSO Report La sostenibilità MSG Security
    I nostri asset tangibili e intangibili MSG Risorse Umane
La lotta alla corruzione   L'integrità delle nostre operations  

eni si impegna a ricercare nei fornitori e collaboratori esterni una professionalità idonea e un impegno alla condivisione dei valori aziendali.

La MSG relativa al procurement fornisce un set di linee guida comuni per tutta l'azienda e trasversali ai mercati in cui eni opera.

La gestione dei fornitori (o vendor management) è un insieme di attività comprensivo di quattro fasi principali: la gestione delle anagrafiche fornitori e Gruppi Merce; la market intelligence; la qualifica dei fornitori e la gestione dei feedback.

La fase di qualifica dei fornitori consiste nel valutare, verificare e monitorare la capacità tecnica e gestionale, l'affidabilità etica, economica e finanziaria di un fornitore in base a elementi oggettivi. In particolare, eni seleziona fornitori in grado di garantire referenze e capacità anche relative a: lotta alla corruzione; tutela e protezione dell'ambiente; promozione di condizioni di lavoro salutari e sicure; tutela della libertà dalla discriminazione; divieto di lavoro forzato e di sfruttamento economico dei minori; libertà di associazione e contrattazione collettiva.

La valutazione dei fornitori deve rispettare il Codice Etico, i principi di trasparenza e di equo trattamento, e si conclude con la definizione dello status di qualifica nel quale si riportano l'esito della valutazione e le principali carenze o aree di miglioramento riscontrate.

La qualifica di un fornitore ha validità generalmente di trentasei mesi, ad eccezione dei casi in cui sono individuate delle diverse e/o specifiche limitazioni temporali.

Azioni a seguito di feedback negativo sui fornitori

eni offre alle imprese locali affiancamento e attività di formazione, affinché raggiungano standard e performance sempre più elevate per ottenere nuovi contratti di fornitura e certificazioni di livello internazionale.

Nel 2011 è proseguito l'impegno di eni nella diffusione del Vendor Management System (VMS) presso le consociate, con l'obiettivo di estendere il livello di applicazione a tutti i Paesi. In particolare sono stati avviati e consolidati VMS in 12 Paesi di presenza operativa: 6 in Nord Africa e Medio Oriente (Libia, Tunisia, Algeria, Egitto, Iran, Iraq), 2 in Africa Sub-Sahariana (Angola, Congo), oltre che in Russia, Pakistan, Cina, Australia. Sono in corso di attivazione VMS in Kazakhstan (KPO), Stati Uniti e in Venezuela. La priorità nella scelta dei Paesi è stabilita prestando particolare attenzione alle aree geografiche considerate più a rischio per l'azienda in termini di diffusione degli standard in materia di sostenibilità e relativi ai diritti umani.

Sono state implementate attività di formazione del personale presso le subsidiary al fine di consolidare la figura professionale del "Local Supplier Quality Engineer and Vendor Management Coordinator", preposta alla gestione del Sistema e all'attuazione delle attività di auditing.

Fornitori

Fornitori   2009 2010 2011
Procurato per macroclasse* (milioni di euro) 35.205 32.626 34.275
- lavori   - 6.718 7.215
- servizi   - 15.029 16.674
- beni   - 6.326 7.181
Percentuale procurato top 20 (%) 25 18 20
Fornitori utilizzati (numero) 35.113 33.961 34.064
Cicli di qualifica effettuati nell'anno (numero) 22.108 33.700 29.362
- di cui con esiti negativi (%) 9 12 13

*Il dato include il procurato infragruppo pari a 2.122 milioni di euro.

Eni S.p.a. - Sede legale
Piazzale Enrico Mattei
00144 Roma

Sedi secondarie
Via Emilia, 1
e Piazza Ezio Vanoni, 1
20097 - San Donato Milanese (MI)

Partita IVA
n. 00905811006

Capitale sociale
€ 4.005.358.876,00 i.v.

C. F. e Registro Imprese di Roma
n. 00484960588

Missione
Siamo un’impresa integrata nell’energia, impegnata a crescere nell’attivita di ricerca, produzione, trasporto, trasformazione e commercializzazione di petrolio e gas naturale. Tutti gli uomini e le donne di eni hanno una passione per le sfide, il miglioramento continuo, l’eccellenza e attribuiscono un valore fondamentale alla persona, all’ambiente e all’integrità.